12 Consigli di SEO Locale per le piccole imprese

12 Consigli di SEO Locale per le piccole imprese

Consigli Local SEO Small Business
Consigli Local SEO Small Business

Come piccola impresa, il posizionamento per i termini delle parole chiave potrebbe essere difficile. Con aziende più grandi e con più risorse che prendono di mira quegli stessi termini, può sembrare impossibile arrivare in cima alle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP).

In che modo le piccole imprese dovrebbero posizionarsi in alto nelle SERP? Fortunatamente, con l’uso della SEO locale, ci sono più che buone possibilità.

Se c’è una cosa certa, è che la SEO locale non è mai stata così importante per le piccole imprese di quanto non lo sia ora. Considera Le query da mobile “dove acquistare” + “vicino a me” è cresciuta di oltre il 200 per cento dal 2017 al 2019.

Inoltre, uno studio recente lo ha rilevato Il 69% del traffico digitale è organico e locale—il che significa che è più importante che mai che la tua piccola impresa rafforzi le sue strategie SEO organiche locali.

Questa guida introdurrà la SEO locale per le piccole imprese. Tratteremo quindi 12 suggerimenti SEO locali e gli strumenti necessari per iniziare il tuo viaggio.

Che cos’è la SEO locale per le piccole imprese?

L’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) è il processo di miglioramento del tuo sito Web per aumentare le possibilità che venga visualizzato quando le persone cercano termini correlati alla tua attività. La SEO locale è un’impresa simile ma con un focus particolare sui termini delle parole chiave locali.

L’obiettivo è indirizzare il traffico locale verso il tuo sito web, traffico che ha maggiori probabilità di convertire, sia online che offline.

Perché la SEO locale è importante per le piccole imprese?

Con sempre più persone che si affidano alle informazioni online per effettuare acquisti offline, la SEO locale per le piccole imprese non è mai stata così importante. In effetti, uno studio ha trovato 78 per cento delle ricerche locali sui dispositivi mobili ha dato il risultato di un acquisto offline. Non puoi discutere con quei risultati!

Altri motivi per ottimizzare il tuo sito Web per la SEO locale includono l’opportunità di costruire il tuo sito Web come autorità ed educare il tuo pubblico di destinazione sui tuoi prodotti e servizi.

I tuoi sforzi SEO locali non devono essere incentrati sull’aumento delle vendite. Puoi anche utilizzare strategie SEO locali per indirizzare il traffico al tuo sito Web allo scopo di informare o educare.

12 Suggerimenti SEO locali per le piccole imprese

Molti suggerimenti SEO locali possono essere implementati in pochi minuti, mentre altri richiedono molto più tempo. Tuttavia, ciascuno dei suggerimenti seguenti può avvantaggiare notevolmente la tua attività locale, sia online che offline.

1. Ottimizza per Google My Business

Google My Business è una directory aziendale di proprietà gestita da Google. L’obiettivo della piattaforma è fornire agli utenti che effettuano ricerche le informazioni commerciali più accurate per le aziende locali.

Con questo in mente, la maggior parte delle aziende avrà una scheda di Google My Business entro un anno circa dall’avvio della propria attività. Questo viene fatto automaticamente quando Google viene a conoscenza della tua attività attraverso i suoi bot di scansione del sito web.

Il problema con un elenco automatizzato, tuttavia, è che le informazioni potrebbero non essere complete o accurate. Solo quando richiedi la tua iscrizione puoi assicurarti di ottenere il massimo dalla piattaforma.

Se hai bisogno di un motivo in più per rivendicare o creare il tuo annuncio, allora consideralo le attività con 4 o più stelle su Google My Business superano quelle con meno di 4 stelle di circa l’11 per cento. Come piccola impresa, non puoi permetterti di perdere quel vantaggio.

Come puoi ottimizzare completamente la tua scheda Google My Business? Ecco alcuni passaggi essenziali per iniziare:

  • Richiedi o crea il tuo annuncio Google My Business.
  • Completa i dati del profilo e pubblica il tuo annuncio.
  • Aggiungi al vostro profilo foto e video della tua attività e delle tue offerte.
  • Rispondi alle valutazioni e alle recensioni in modo professionale e tempestivo.
rivendica il tuo profilo per google my business per aiutare la SEO locale per la tua piccola impresa

È importante che le informazioni sulla tua attività siano accurate e aggiornate. Dovresti assicurarti che gli aggiornamenti vengano effettuati almeno mensilmente, sebbene il monitoraggio settimanale del tuo annuncio sia importante per il successo.

2. Richiedi tutte le directory aziendali

Parlando di directory aziendali, devi essere sicuro di rivendicare la tua pretesa in tutte le directory aziendali. I più popolari includono Google My Business menzionato sopra e Yelp.

Potresti pensare che un profilo di Google Business sia sufficiente per attirare traffico, sia online che in negozio. Tuttavia, considera che una pagina di Yelp è presente tra i primi 5 risultati per il 92% delle query di ricerca che contengono una città e una categoria di attività.

Che differenza fa essere tra i primi 5 risultati su Google? I primi 5 risultati delle SERP rappresentano l’80% dei click-through nella prima pagina di Google. Il primo risultato organico da solo rappresenta quasi il 40 percento.

Tutto questo per dire che non puoi permetterti di non rivendicare la tua attività su tutte le directory ove possibile.

Fortunatamente, le directory aziendali rendono facile rivendicare le tue inserzioni. Per rivendicare la tua pagina aziendale su Yelp ad esempio, puoi iniziare il processo con verifica delle informazioni sulla tua attività.

Yelp Rivendica la tua attività

Mentre Google e Yelp sono i cani di grossa taglia, altre directory aziendali da considerare sono Facebook, Bing, Yahoo e Pagine Gialle.

3. Eseguire un audit SEO locale

Ora che ti sei stabilito nelle directory aziendali, è tempo di capire il panorama. Ciò ti consente di vedere cosa stanno facendo i tuoi concorrenti, così anche tu puoi apportare gli stessi miglioramenti sul tuo sito web senza dimenticare di creare le pagine dedicate alla privacy dell’utente.

I risultati sulla prima pagina delle SERP forniscono maggiori informazioni e ispirazioni. Dopotutto, solo le prime tre posizioni rappresentano il 66,5 per cento dei click-through sulle SERP!

Quando inizi il tuo audit, considera innanzitutto strumenti e analizzatori gratuiti SEO come SEO Analyzer. Questi strumenti ti offrono una panoramica dettagliata dello stato attuale del tuo sito web e di cosa puoi fare per ottimizzarlo.

Successivamente, utilizza le tue parole chiave target (che elaborerai nella prossima sezione) e confronta il tuo sito Web con i primi cinque di ciascuna SERP. Considera i tipi di contenuto, la struttura del sito Web, gli elementi della pagina e la densità delle parole chiave.

Consiglierei di tenere un excel dei tuoi risultati per tracciare e implementare facilmente le tue modifiche.

4. Scegli come target parole chiave locali

Come piccola impresa, il targeting per parole chiave può essere scoraggiante. Sai che ti perderai come in un oceano quando scegli come target parole chiave ad alto volume, ma le parole chiave a basso volume tendono a produrre scarso ritorno.

Come attività commerciale locale, hai effettivamente un vantaggio quando si tratta di targeting per parole chiave. “Vicino a me” le variazioni dei termini di ricerca sono aumentate dal 150 percento (es. “vicino a me ora”) fino al 900 percento (es. “vicino a me oggi/stasera”) in pochi anni. Ciò significa che il targeting di una combinazione di volume elevato e parole chiave locali può funzionare a tuo favore.

Cosa intendo in pratica?

Diciamo che possiedi un negozio di fiori locale. Il tuo sito web contiene naturalmente molte parole chiave ad alto volume, come “fiorista”, “negozio di fiori” e “fiori in vendita”. Il fatto è che è improbabile che tu possa battere i fornitori di fiori nazionali, con quelle parole chiave.

L’obiettivo dovrebbe essere quello di ottimizzare il tuo sito web con parole chiave locali.

Ad esempio, cerca nel tuo sito Web ogni istanza di “fiori in vendita”. Dovrai stare attento alle parole chiavi non pertinenti, ma fai attenzione a cambiare la maggior parte di queste con termini locali più specifici, come:

  • “vendita fiori a [città o codice postale]”
  • “[città o codice postale] fiori in vendita”
  • “fioraio [città o CAP]”
  • “fiorista [città o CAP]”

Tuttavia, non è necessario scegliere come target solo la città e il codice postale specifici. Prendi in considerazione le aree entro 10 o 15 km dalla tua attività e scegli come target anche quelle parole chiave locali. Questa è una buona pratica soprattutto se vivi in ​​una città più piccola al di fuori di una città più grande o di un’area metropolitana.

5. Incoraggiare (e premiare) le recensioni dei clienti

Quando è stata l’ultima volta che hai visitato un ristorante o acquistato un articolo senza ricerca di valutazioni e recensioni? Se sei come l’82 per cento dei consumatori che eseguono una ricerca locale online, la risposta è mai.

Le recensioni dei clienti sono la linfa vitale della tua attività. Ciò è particolarmente vero per le nuove e piccole imprese.

Come ottenere le recensioni dei clienti online?

  1. Assicurati che ci sia un posto dove i clienti possono scrivere le loro recensioni. Se hai rivendicato il tuo profilo Google My Business e la scheda dell’attività commerciale Yelp, allora sei partito alla grande.
  2. Offri un incentivo ai clienti che lasciano recensioni. Sia con il passaparola o contrassegnato sulle ricevute in negozio, fai sapere ai clienti che riceveranno uno sconto o un articolo in omaggio per la loro valutazione e recensione.
  3. Rispondi a tutte le recensioni, negative e positive. Questo ti dà l’opportunità di interagire con i tuoi clienti e può anche infondere fiducia nel tuo marchio da parte di coloro che devono ancora acquistare.

6. Crea contenuto locale

Sopra abbiamo parlato del targeting di parole chiave locali evitando il keyword stuffing. Il modo migliore per farlo è creare contenuti locali per il tuo sito web o il blog del tuo sito web.

Il contenuto locale può essere un post di un blog, un comunicato stampa o una pagina web statica. Puoi utilizzare questi vari tipi di contenuto per evidenziare eventi locali (passati e imminenti), offerte locali, raccolte di attività commerciali locali (ad es. attività locali che integrano ma non competono con le tue) o anche per educare il pubblico sul tuo prodotto o servizio .

Più contenuti naturali hai sul tuo sito web, più facilmente puoi scegliere come target parole chiave locali. Può anche aiutarti a farti diventare un esperto nel campo, il che è fondamentale per i proprietari di piccole imprese che competono con le imprese più grandi.

Continuando con l’esempio di un negozio di fiori, ecco alcune idee di contenuto che si rivolgeranno naturalmente sia al pubblico che alle parole chiave:

  • Post sul blog: Fiori per decorare tutto l’anno
  • Pagina web statica: Le nostre offerte floreali locali
  • Pagina web statica: Offerte di fiori da giardino
  • Post sul blog: Eventi floreali per [stagione/anno]

7. Implementare una strategia di backlink locale

Un backlink è un collegamento al tuo sito web da un altro sito. A seconda della qualità dei siti Web di terzi e del numero di collegamenti al tuo sito Web, ciò può avere un impatto considerevole sull’autorità del tuo sito Web.

L’autorità è un elemento fondamentale nel determinare quanto in alto il tuo sito web si posiziona nelle SERP. Come facciamo a saperlo? Considera che il risultato n. 1 in Google ha una media di 3,8 volte più backlink rispetto alle posizioni da #2 a #10.

Come può un sito Web di piccole imprese iniziare a costruire il proprio profilo di backlink? Alcune cose da considerare sono:

  • scrivere guest post per siti web pertinenti alla tua attività e di alta qualità
  • contattare un influencer
  • creare campagne di link outreach
  • monitorare le piattaforme dei social media alla ricerca di menzioni e conversazioni relative al vostro marchio, per poi analizzarle e scoprire le opportunità con cui poter agire
  • scrivere contenuti condivisibili

Parlando di contenuti condivisibili, la chiave per qualsiasi strategia di backlink di successo è un contenuto di qualità e ragionevolmente lungo. E’ risaputo che il contenuto in formato lungo riceve 77 percento in più di backlink rispetto agli articoli brevi.

Non vuoi contenuti lunghi tanto per, quindi mantieni il post in modo fluente e pertinente.

8. Diventa mobile friendly

Considerando che l’82 per cento degli acquirenti di smartphone effettuano ricerche “vicino a me”. Non puoi permetterti di avere un sito no-mobile friendly.

Il duro lavoro non è ottenere traffico sul tuo sito, ma mantenerlo lì una volta arrivato. Se il tuo sito non è ottimizzato per i dispositivi mobili, i ricercatori della zona lasceranno rapidamente il tuo sito e prenderanno in considerazione un concorrente.

Che cos’è un sito ottimizzato per i dispositivi mobili? Il quattro elementi fondamentali che ogni sito mobile friendly dovrebbe contenere includono:

  • pagine reattive
  • testi leggibili
  • formattazione corretta del testo
  • display adattabile ai vari dispositivi

Oltre a un sito web ottimizzato per i dispositivi mobili, devi anche produrre contenuti ottimizzati per i dispositivi mobili. La buona notizia sui contenuti ottimizzati per i dispositivi mobili è che sono perfettamente visualizzabili anche per i desktop.

In cosa consistono tali contenuti?

Paragrafi brevi, qualche piccolo spazio bianco, sottotitoli quando servono, indice degli argomenti, immagini inerenti, elenchi nel caso possibile il suo utilizzo, utilizo di titoli, grassetto e corsivo in alcuni casi, sono tutte piccoli passi per l’ottenimento di un’ottima pagina del tuo web.

Se non sei uno sviluppatore web, l’idea di creare un sito web ottimizzato per i dispositivi mobili può essere scoraggiante. La buona notizia è che la maggior parte delle piattaforme di siti Web incorpora elementi ottimizzati per i dispositivi mobili nei propri temi e sovrapposizioni. Tieni a mente il “reattivo” come indicatore di tali opzioni.

9. Ottimizza la struttura della pagina

La SEO locale per le aziende va oltre le schede e i contenuti delle attività commerciali. Un elemento spesso trascurato è la struttura della pagina.

La struttura della pagina include tag del titolo, intestazioni, meta descrizione e URL. Se usati correttamente, possono migliorare ulteriormente i tuoi contenuti e migliorare le tue classifiche sulle SERP.

Forse ti starai chiedendo quanto impatto possono avere questi elementi sulle tue classifiche. Ecco l’accordo: per impiegare elementi che i tuoi concorrenti potrebbero non essere, puoi andare avanti.

Quali elementi della struttura della pagina sono più trascurati dalle piccole imprese? Dalla percentuale maggiore a quella minore, ecco quali caratteristiche SEO chiave vengo utilizzate:

  • Tag del titolo: 99%
  • Robots.txt: 88%
  • Sitemap.xml: 73%
  • Meta Descrizione: 72%
  • H1: 68%
  • Schema.org: 44%

Puoi indirizzare il tag del titolo, la meta descrizione e H1 più facilmente. Tuttavia, anche robots.txt, sitemap.xml e schema.org hanno la loro importanza in un sito web ben strutturato.

10. Social media

I social media non sono solo per grandi marchi e influencer. Anche una pagina aziendale locale può trarre vantaggio dall’utilizzo dei social.

Più specificamente, una pagina dell’attività locale può essere un ottimo posto per mantenere i clienti aggiornati sulle ultime vendite, eventi e modifiche (ad es. orari di apertura). Questo perché anche con un sito Web, un profilo di social media è più simile a una versione “viva” della tua attività.

Forse gli utenti di Facebook beneficiano maggiormente delle pagine di attività commerciali locali. Dopotutto, ⅔ di utenti Facebook in tutti i paesi intervistati affermano di visitare la Pagina di un’azienda locale almeno una volta alla settimana. Tuttavia, anche altre piattaforme di social media come Instagram e TikTok possono offrire un buon vantaggio alla tua attività.

Alcuni esempi dei vantaggi del mantenimento dei profili social per la tua piccola impresa includono la costruzione di relazioni, il monitoraggio e l’analisi delle tendenze e il social commerce.

Ecco come le piccole imprese possono essere coinvolte sui social media:

  • Decidete quali piattaforme sono più adatte alla vostra attività in base alle caratteristiche e al pubblico di riferimento.
  • Pubblicate regolarmente contenuti di qualità.
  • Utilizzate strumenti di programmazione e automazione per testare e migliorare il coinvolgimento.
  • Partecipate ad eventi e raduni locali.
  • Rendete facile ai clienti l’acquisto dei vostri prodotti e servizi, anche online.

A seconda della tua attività e del pubblico di destinazione, i social media possono o meno rappresentare una grande percentuale delle tue vendite e del tuo traffico. Tuttavia, in entrambi i casi, una forte presenza sui social media è un must per tutte le imprese.

11. Partecipa a eventi aziendali locali

Saresti sorpreso di sapere che puoi fare molto offline per migliorare la SEO locale del tuo sito web? Il 48% dei marketer investe almeno il 20% del proprio budget di marketing negli eventi dal vivo.

La partecipazione a eventi aziendali locali, in particolare quelli con una forte presenza sui social media, può aiutare a far crescere la tua attività in diversi modi. Sono opportunità per commercializzare la tua attività, ma sono anche un modo semplice per conoscere il tuo pubblico e la comunità che servi. È probabile che ci sia anche un ritorno su tali eventi.

Come piccola impresa, hai la versatilità per ospitare il tuo evento o sponsorizzare e unirti a eventi della comunità più grandi. Un evento che ospiti tu stesso produrrebbe probabilmente un ritorno maggiore, ma un evento comunitario potrebbe essere l’ideale per budget inferiori e aprire le porte a nuovi clienti.

12. Investi in annunci Google con parole chiave locali

Piccole imprese di solito significa piccolo budget. È importante investire saggiamente nella crescita della tua attività online. Per la maggior parte delle aziende, Google Ads è un buon punto di partenza.

Google Ads è una piattaforma pubblicitaria a pagamento che ti consente di apparire in posizioni di rilievo sulle SERP.

Potresti pensare che non potresti mai competere con le grandi imprese. Un modo per aggirare questo è evidenziare il tuo stato locale prendendo di mira parole chiave locali e pubblico locale. Ad esempio, invece di scegliere come target “fiori in vendita”, scegli come target “fiori in vendita a [città].”

Come possiamo sapere che questo avrà successo? Secondo ThinkwithGoogle il 2% degli utenti di computer o tablet e il 67% degli utenti di smartphone desidera annunci personalizzati in base alla propria città. Gli utenti vogliono trovare le opzioni più vicine per loro, quindi dai loro quello che vogliono.

È vero che iniziare con Google Ads può essere scoraggiante, ma fortunatamente hai la possibilità di investire in un’agenzia di marketing per aiutarti a configurare e gestire il tuo account e le tue parole chiave. Se vuoi farlo da solo, però, segui questi passaggi essenziali:

  1. Ricerca di parole chiave: Questo include le parole chiave che si desidera indirizzare, ma anche le parole chiave che si desidera escludere dalle campagne (parole chiave negative).
  2. Decidi come saranno strutturati i tuoi gruppi di annunci: I gruppi di annunci sono campagne pubblicitarie raggruppate in base a un elemento comune, come il pubblico di destinazione, la parola chiave di destinazione o persino la località. Decidete come saranno strutturati i vostri gruppi, in modo da poter iniziare a creare le vostre campagne.
  3. Crea la tua prima campagna: Una campagna è un passo avanti rispetto ai gruppi di annunci, in quanto comprende un pubblico più ampio. Ad esempio, si può avere una campagna “Fiori da sposa” che include gruppi di annunci come “Fiori da sposa nel Queens” e “Fiori da sposa a Roma”. È qui che si definiscono gli obiettivi e le impostazioni a livello di campagna.
  4. Crea il tuo primo annuncio: Google Ads offre diversi tipi di annunci. Un annuncio di testo è un buon punto di partenza, anche se i gruppi di annunci possono contenere più tipi di annunci ed è importante sperimentare quello che funziona per il vostro pubblico.

Il monitoraggio e l’ottimizzazione continui delle tue campagne sono necessari per il tuo successo.

Tips SEO locali per le piccole imprese Domande frequenti

Come piccola impresa, dovrei rivolgermi a un’agenzia per aiutare il mio SEO locale?

Come piccola impresa, il budget può essere un vincolo. Sebbene tu possa apportare molte modifiche da solo, un’agenzia come la nostra può offrire consigli e risorse inestimabili.

In che modo la SEO locale aiuta le piccole imprese a crescere?

Con l’intento di ricerca locale quello che è, la SEO locale può essere un vantaggio per le piccole imprese. Può metterti sulla mappa (o sulle SERP, come succede) per parole chiave per le quali potresti non esserti mai classificato su una scala più ampia.

Quanto dovrebbe pagare una piccola impresa per la SEO locale?

L’importo che investi varierà a seconda di ciò che ritieni significativo e prezioso per la tua attività. Esistono due tipi di investimenti per la SEO: un agenzia dedicata o la pubblicità a pagamento.

Che tipo di piccole imprese hanno bisogno della SEO locale?

La SEO locale può avvantaggiare le piccole imprese di ogni tipo. Se fornisci prodotti o servizi in un’area specifica (o in più aree), puoi trarre vantaggio dal suo utilizzo anche in più zone.

Conclusione: SEO locale per le piccole imprese

Come proprietario di una piccola impresa, sai che sono necessari duro lavoro e dedizione per aumentare le tue vendite. Più o meno lo stesso si può dire per la SEO locale. Sebbene la SEO possa richiedere tempo e pazienza, a lungo termine può ripagare moltissimo.

Con i 12 suggerimenti SEO locali descritti sopra, anche le aziende più piccole possono trarne vantaggio. Dalla ricerca di parole chiave al social media marketing fino alla pubblicità a pagamento, puoi iniziare ad apportare modifiche oggi per vedere i vantaggi in futuro.

Ti consigliamo in oltre di leggere gli articoli sulla SEO, come:

Lascia un commento

Inizia La Chat
Come possiamo aiutarla?
Scan the code
Trend Finders
Salve 👋

Sono il Trendbot, risponditore automatico della Trend Finders, come posso aiutarla?