La guida per principianti al monitoraggio, alla lotta e alla prevenzione della SEO negativa

La guida per principianti al monitoraggio, alla lotta e alla prevenzione della SEO negativa

SEO Negativa guida alla prevenzione, di Trend Finders

Hai già sentito parlare della SEO negativa e sei preoccupato che possa colpire il tuo sito?

Resta su Trendfinders.it ti aiuteremo a riconoscerla!

Prima di immergerci nella SEO negativa vi ricordiamo che in caso non sappiate cosa sia la SEO, abbiamo altri articoli che vi potranno essere utili:

Google nell’aprile 2012 ha rilasciato l’algoritmo Penguin. E, da allora, le ricerche per il termine ‘SEO negativo‘ sono aumentati. Questi cambiamenti di algoritmo possono servire alla SEO per pensare ai miglioramenti futuri, ma questa è un’altra cosa.

Torniamo a noi.

Potresti avere domande o trovare articoli su argomenti come:

  • La SEO negativa esiste?
  • È possibile distruggere le classifiche di un sito web creando backlink negativi da siti web per adulti e di gioco d’azzardo?
  • Avete davvero bisogno di proteggere il vostro sito web da un attacco negativo?

Sfortunatamente, la risposta a tutte le domande qui sopra sopra è…

Sì.

Perché altrimenti Google dovrebbe rilasciare uno strumento di disconoscimento e offrire ai webmaster di segnalare un attacco negativo ai forum dei webmaster?

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=HWJUU-g5U_I]

Google ha un grosso numero davvero talentuoso di ingegneri che stanno costantemente migliorando l’algoritmo di ricerca. E, senza dubbio, il motore di ricerca sta diventando ogni giorno sempre più intelligente.

Tuttavia, il tuo sito Web può subire un calo nelle classifiche di ricerca a causa di un attacco SEO negativo.

Basta fare una ricerca ‘SEO negativo’. Vedrai tonnellate di liberi professionisti pronti ad attaccare un sito Web costruendo centinaia di migliaia di backlink per dei miseri 5 dollari.

Prevenzione SEO Negativa
Prevenzione SEO Negativa

Anche Google ha cambiato posizione sui concorrenti che danneggiano il tuo sito web.

Ma perché le tattiche SEO negative hanno iniziato a guadagnare importanza dopo l’aggiornamento di Penguin?

Il motivo è che questo aggiornamento ha represso i siti Web utilizzando collegamenti loschi per manipolare le classifiche di Google. Sebbene la SEO black hat abbia una rilevanza in via di estinzione ora, le tattiche SEO negative rimangono efficaci.

Ho anche visto SEO che tentano di attaccare le classifiche di ricerca di Forbes collegandosi ad esso da siti Web dannosi. Non ci riescono perché Forbes ha un dominio molto autorevole.

Questo potrebbe non essere il caso di un sito Web abbastanza nuovo o meno consolidato. Il tuo sito web può essere colpito da un messaggio di spam come collegamento al tuo sito web.

Quindi, in questo articolo, vogliamo aiutarti a combattere la SEO negativa. Voglio anche presentarti le strategie per prevenire un attacco contro il tuo sito web. Ti mostrerò alcuni strumenti che puoi utilizzare per assicurarti che non accada nulla di nefasto al profilo del tuo sito web.

Che ne dici di iniziare con i diversi tipi di attacchi negativi che un sito Web potrebbe incontrare?

5 Diversi tipi di attacchi negativi ai siti web

La creazione di backlink innaturali è il tipo più comune di attacco a un sito web. Ma ci sono anche altri tipi di attacchi. Diamo un’occhiata a loro uno per uno.

1a. Backlink di spam o rimozione dei migliori backlink del tuo sito web – Questo è l’attacco più diffuso. Il tuo concorrente paga siti Web pornografici, poker, casinò e altri dannosi collegati al tuo dominio.

Ecco i vari modi in cui questi collegamenti possono danneggiare il tuo sito web.

Come i collegamenti possono danneggiare un sito

Il risultato?

Le tue classifiche di ricerca si accumulano negatività e il tuo sito Web può persino iniziare a scomparire per le parole chiave competitive dagli elenchi della prima pagina.

Tasty Placement ha effettuato un malvagio attacco SEO negativo su un sito web perfettamente funzionante di due anni di età (di proprietà di Tasty Placement): pool-cleaning-houston.com.

Prima dell’inizio di questo esperimento (30 aprile 2012) era al terzo posto per la parola chiave “pulizia piscina houston”.

Hanno indicato collegamenti spazzatura di bassa qualità su questo sito web.

Prova di Tasty Placement su uno dei suoi siti con SEO negativa

La spesa per condurre questo attacco è stata di un misero $ 45.

4 settimane dopo la classifica del sito Web per la parola chiave “pulizia piscina houston” è stata pesantemente influenzata.

Calo delle posizioni delle parole chiave con effetti della SEO Negativa

C’è anche la possibilità che gli spammer cerchino di rimuovere i tuoi migliori backlink. Contattano i webmaster di siti Web di alta autorità che si collegano a te utilizzando il tuo nome.

Quindi, chiedono loro di rimuovere il backlink al tuo sito web.

Puoi evitare un tale attacco comunicando sempre con i webmaster da un’e-mail autentica che rappresenta il tuo marchio.

La tua email per la comunicazione dovrebbe essere simile a: [email]@iltuodominio.it.

1b. Attacco innaturale del testo di ancoraggio – Questo è un altro attacco relativo ai collegamenti, mediante l’uso di parole chiave irrilevanti e l’ottimizzazione eccessiva del tuo sito Web per parole chiave di denaro.

Seo negativa: ottimizzazione eccessiva di Anchor Text.

PRWeb è stato sottoposto a revisione per la vendita di link di anchor text “ottimizzati per la ricerca” tramite i suoi comunicati stampa.

Questi collegamenti sono inseriti in articoli di spam (contenuti di bassa qualità) che un tempo inquinavano i risultati di ricerca dei motori.

Spencer Haws aveva costruito un sito Web di nicchia che ha subito questo attacco SEO negativo con anchor text innaturale.

Qualcuno si è collegato al suo sito Web (bestsurvivalknifeguide.com) da siti di spam per migliaia di volte, utilizzando l’esatto anchor text “miglior coltello da sopravvivenza”.

L’86,1% dei collegamenti conteneva le parole chiave in denaro “miglior coltello da sopravvivenza” e provenivano da una fonte di bassa qualità.

immagine56

Ha ricevuto un avviso di link innaturali da Google.

avviso di Google di backlink negativi

E anche sperimentato a perdita di visibilità sui motori di ricerca.

immagine54

2. Segnalazione spam del tuo sito web o copia del suo contenuto – Le persone (o, in caso di attacco, i tuoi concorrenti) possono segnalare il tuo sito web a Google se pensano che tu stia offrendo contenuti irrilevanti.

Ci sono una varietà di problemi che possono essere segnalati sul tuo sito web. Il tuo sito web può essere messo sotto il microscopio di Google per la divulgazione di informazioni private, il tentativo di ottenere informazioni private, il mancato rispetto delle linee guida di Google (come l’acquisto di link), le violazioni del copyright e altro ancora.

immagine11

Se c’è un numero enorme di denunce di spam contro il tuo sito Web, il gigante della ricerca darà un’occhiata al profilo del tuo sito Web per vedere se stai manipolando i risultati della ricerca violando i loro Linee guida per i webmaster.

Puoi essere penalizzato se stai usando tecniche di black hat come cloaking, scraping, ecc. Dovrai invertire le tue azioni e rimediare ai problemi sul tuo sito web per riconsiderazione da parte di Google.

istruzioni di Google per link Building

Un altro modo simile di attaccare è copiare e distribuire ampiamente i tuoi contenuti su altri siti web.

Questo può accumulare una grossa caduta delle tue classifiche e del traffico di ricerca.

immagine63

Il motivo è che Google vuole fornire ai suoi utenti i risultati più pertinenti e di alta qualità. È una disattivazione (esperienza utente negativa) per vedere le stesse informazioni ripetute nei risultati di ricerca.

Sebbene raro, può anche capitare che un sito Web con il tuo contenuto copiato possa posizionarsi più in alto di te per la stessa parola chiave.

Non indicizzazione di Google nel caso di contenuti copiati.

Ecco un esempio del posizionamento del post originale di David Naylor al di sotto dei siti Web che hanno ripubblicato i suoi contenuti.

immagine03

Google consentiva ai webmaster di segnalare i siti web di scraper utilizzando lo strumento di segnalazione scraper.

immagine14

Sfortunatamente, lo strumento non accetta più reclami.

Ma Matt Cutts ha chiarito che i contenuti duplicati contenenti spam o contenenti parole chiave possono comportare sanzioni algoritmiche o manuali.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=Vi-wkEeOKxM]

Un esempio pratico di un sito Web che è stato oggetto di un simile attacco è Orbit Media Studios. Hanno avuto un problema di plagio con 4 siti web. Un’azienda di web design ha persino copiato 20 contenuti e il design esatto della loro home page.

immagine30

Hanno inviato un’e-mail ai plagiatori. Puoi leggere i loro passaggi di azione in modo da sapere cosa fare se i tuoi contenuti vengono rubati senza il tuo consenso.

3. Modifica del file robots.txt o iniettando malware sul tuo sito web – Questo è un tentativo di hacking piuttosto che un attacco.

Dopo aver violato il tuo sito Web, l’hacker tenta di iniettare contenuti e collegamenti di spam o tenta di impedire a Google di accedere al tuo sito Web.

Assicurati di eseguire controlli regolari o di aver creato un’e-mail con almeno uno degli indirizzi elencati sotto per ricevere avvisi.

IQMatrix ha anche affrontato a attacco malware. Hanno ricevuto un’email da Google in merito al problema.

L’attacco ha portato a una diminuzione del 70% del picco di traffico e del 25% nel conteggio degli abbonati RSS. In effetti, il numero degli abbonati è diminuito di 400 il giorno stesso dell’attacco.

4. Giocare con la tua reputazione online pubblicando false recensioni negative e creando falsi profili social – Recensioni online negative nei confronti del tuo marchio possono ostacolare il tuo posizionamento nei risultati di ricerca locali. Solo 5% dei consumatori convertirà dopo aver riscontrato una recensione negativa del tuo prodotto o della tua azienda.

Il problema è che le false recensioni negative possono essere facilmente filtrate da algoritmi di siti web come Yelp. Eccone un paio esempi di recensioni negative.

Siti web come webcide.com offrono persino di aiutare le aziende a lanciare campagne di PR negative contro i loro concorrenti.

immagine20

Puoi contrassegnare tali recensioni come spam e informare il sito Web se viola i termini di servizio. Oppure puoi anche contattare direttamente il revisore o rispondere pubblicamente.

Ma se nulla sembra funzionare, puoi rispondere strategicamente sottolineando gli errori e la natura inventata della recensione.

Un altro attacco dannoso correlato alla reputazione del tuo marchio online è la creazione di account di social media falsi con il tuo sito Web / nome commerciale.

Dovresti essere preoccupato per questo perché è facile creare una falsa presenza online per il tuo marchio.

immagine28

Nel febbraio 2014, Facebook ha dichiarato ufficialmente che il 7% dei suoi 1,39 miliardi di account erano falsi e circa 28 milioni erano indesiderati, il che significa che venivano usati per lo spamming.

A volte le aziende acquistano persino Mi piace e follower falsi e creano profili falsi per attaccare un concorrente o supportare la propria azienda per un contraccolpo negativo.

Uno di questi casi è stato quando il presidente di Chic-Fil-A è stato accusato di creare account falsi sui social media per contrastare il dibattito sul matrimonio gay.

account falsi contro i matrimoni gay

BuzzFeed ha anche trovato un altro profilo falso per aiutare Chick-Fil-A a controllare i danni dopo le forti critiche contro di loro.

immagine58

Hai strumenti per segnalare un utente abusivo su Twitter e segnalare comportamenti molesti su Facebook.

immagine70

Più avanti in questo post, elencherò alcuni strumenti che puoi utilizzare per monitorare le menzioni del tuo marchio ed evitare di essere truffato.

5. 301 reindirizza i domini non correlati al tuo sito – Questo tipo di attacco si verifica quando qualcuno con 301 reindirizza siti Web vietati, giochi d’azzardo, farmaceutici o per adulti al tuo dominio.

Allora, che importanza ha?

Bene, un reindirizzamento 301 supera il 90-99% del link juice alla pagina reindirizzata.

immagine52

Se un sito Web penalizzato o pornografico viene reindirizzato al tuo sito Web, i segnali di collegamento errato verranno trasmessi al tuo sito Web e potresti perdere il posizionamento nei motori di ricerca.

John Mueller (dipendente di Google) ritiene che questo sia un problema teorico, e non ha visto nessun sito web essere penalizzato con questo reindirizzamento del link.

John: “Theoretically there are a lot of things that could go wrong in our
systems but essentially we work really hard to make sure that this kind of abuse or misuse of our systems of the links that we find or rankings in general
are kind of handled really well on our side automatically. That’s not
something l’d worry about that much.”

Teoricamente ci sono molte cose che potrebbero andare storte nei nostri sistemi, ma essenzialmente lavoriamo molto duramente per assicurarci che questo tipo di abuso o di uso improprio dei nostri sistemi dei link che troviamo o delle classifiche in generale siano gestiti in modo automatico dal nostro punto di vista. Non è
qualcosa di cui mi preoccuperei più di tanto.

Ma Google in precedenza aveva anche menzionato che reindirizzare il tuo sito web penalizzato a un nuovo dominio trasferirà la penalità al nuovo dominio.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=ArBkHv4r4Yc]

In una discussione su Inbound.org, James Norquay ha affermato di aver lavorato con alcuni casi in cui a la sanzione è stata trasferita tramite reindirizzamenti 301.

immagine53

Intercettare un simile attacco può essere ancora più difficile per Google se si tratta di una sezione interna del tuo sito web.

@jenstar non fanno un buon lavoro come si dovrebbe, specialmente se il 301 è in qualche modo rilevante e inviato a una sezione interna.

3 passaggi necessari per combattere la SEO negativa

Ti è già successo?

Il tuo sito web ha perso traffico di ricerca o hai ricevuto una notifica da Google.

E adesso?

Come puoi invertire gli effetti della campagna SEO negativa?

La prima cosa che dovresti fare è rimuovere qualsiasi malware dal tuo server e renderlo più sicuro. Puoi acquistare SiteLock o un servizio simile per risolvere tali problemi. Dovresti anche considerare di passare a un host più professionale in modo che non ci siano falle nella sicurezza del tuo sito web.

Una volta risolti i problemi di sicurezza del server, puoi seguire questi 3 passaggi per combattere i tipi più comuni di SEO negativo.

1. Raccogli l’elenco dei backlink di spam dannosi in un unico posto: Usa uno strumento professionale per il controllo dei backlink come Ahrefs per scansionare i backlink del tuo sito web.

Filtra i backlink di anchor text irrilevanti, spam e eccessivamente ottimizzati.

Quindi prepara un elenco di nomi e indirizzi email dei webmaster di questi backlink errati.

Se l’indirizzo email di un webmaster non è elencato pubblicamente, puoi tentare di estrarre le sue informazioni di contatto utilizzando lo strumento WHOIS.

Cerca Domini e IP con WHOIS

Cerca l’e-mail dell’autore nelle informazioni visualizzate durante la ricerca.

2. Utilizza la carta intestata di uno studio legale per inviare una richiesta di rimozione ai webmaster – Non inviare email generiche con richieste di rimozione ai proprietari di siti Web contenenti spam. Otterrai tassi di risposta estremamente bassi o addirittura nulli.

La carta intestata legale funziona molto meglio. Chiedi il permesso al tuo studio legale, usa il loro logo e poi invia le mail di richiesta di rimozione del link negativo o del testo copiato.

Ecco i suggerimenti di Marie Haynes di Search Engine Land sull’invio di e-mail di richiesta di rimozione del collegamento.

Consigli per richiedere l'eliminazione di link negativi al proprio sito

Se non si ottiene una risposta o il collegamento non viene rimosso, a volte contattare l’azienda che ospita il sito Web può funzionare.

Puoi scoprire la società di hosting di un sito Web all’indirizzo WhoIsHostingThis.com.

3. L’ultima risorsa è lo strumento di disconoscimento di Google – Le tue richieste sono state ignorate dal sito e dalla società di hosting, ma non mollare ancora.

Google ha rilasciato un Strumento di disconoscimento nella sua suite di strumenti per i webmaster. Usandolo, puoi inviare i link non validi a Google e chiedere loro di non contare quei link specifici per valutare il tuo sito web.

Se hai un abbonamento Ahrefs premium, far eliminare un link è estremamente facile.

immagine16

Puoi persino creare un elenco dei tuoi backlink spam e caricarli in blocco direttamente negli strumenti per i Webmaster.

upload link negativi in Ahref

Ma non dovresti saltare direttamente su questo strumento di disconoscimento. Google vuole che tu agisca prima. Quindi invia prima un’e-mail ai webmaster dei siti Web di spam.

In caso contrario, Google non accetterà le tue richieste di rimozione dei link di bassa qualità.

Nota: procedere con cautela quando si utilizza lo strumento di eliminazione. Google ti avverte persino che l’utilizzo errato della funzione può compromettere le prestazioni del tuo sito nei risultati di ricerca.

immagine27

Nota 2: il disconoscimento di backlink non validi utilizzando lo strumento non garantisce il recupero delle tue classifiche e un aumento del traffico di ricerca. Ma è come la tua ultima possibilità di annullare il rigore.

Come monitorare il tuo sito web e prevenire una SEO negativa?

Lo strumento disavow di Google, impiega 2-4 settimane per funzionare. E, anche dopo, il tuo sito web probabilmente non tornerà al suo stato normale.

La verità indigeribile è:

Una volta che vieni attaccato, perderai una percentuale di traffico in modo permanente, forse alcuni clienti/abbonati e probabilmente qualche autorità agli occhi di Google.

Quindi prevenire è molto meglio che combattere o correggere la SEO negativa. Ecco 5 passaggi che puoi eseguire oggi per monitorare il tuo sito Web e prevenire qualsiasi attività dannosa.

1. Imposta le notifiche e-mail da Strumenti per i Webmaster di Google – Collega prima il tuo sito web a Strumenti per i Webmaster di Google. Scegli di ricevere avvisi e-mail dalle preferenze dello strumento per i Webmaster nel tuo account.

immagine44

L’abilitazione delle notifiche e-mail ti assicurerà di essere a conoscenza di eventuali problemi che si verificano sul tuo sito web.

Riceverai avvisi per attacchi malware, problemi di connettività del server, una sanzione manuale di Google e anche se le pagine del tuo sito Web non vengono indicizzate.

immagine04

2. Tieni traccia del tuo profilo di backlink utilizzando MonitorBacklinks.com la creazione di backlink di bassa qualità al tuo sito Web è la cosa migliore come attacco SEO negativo comune.

Controlla il profilo di backlink del tuo sito web utilizzando uno strumento semplice come MonitorBacklinks.com.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=XXFa-7XyCYk]

La parte migliore dello strumento è la sua semplicità. Ti vengono inviati avvisi e-mail solo quando ci sono nuovi backlink creati o rimossi dal tuo sito web.

Inoltre, lo strumento ti consente anche di aggiungere tag ai tuoi backlink.

Quindi, puoi filtrare i tuoi migliori backlink da siti Web di autorità utilizzando i tag e tenendoli d’occhio.

Se scopri che un webmaster rimuove il link al tuo sito web, lo saprai immediatamente. A volte una tale rimozione può essere accidentale quando si redireziona un sito web.

Puoi metterti in contatto con loro per chiedere il motivo della rimozione e, si spera, recuperare il tuo backlink.

3. Proteggi il contenuto del tuo sito web utilizzando Copyscape – Sono sicuro che hai almeno un articolo sul tuo blog che ha guadagnato migliaia di visualizzazioni.

Il problema è che anche gli articoli popolari vengono plagiati, in tutto o in parte.

Quindi cosa puoi fare per impedire ai plagiatori di distribuire i tuoi contenuti a loro nome?

La prima opzione è acquistare un abbonamento ad uno strumento professionale come Copyscape.

Immagine di Copyscape per ricercare se il proprio sito è stato copiato

Verificherà la presenza di duplicati dei tuoi contenuti sul Web ogni giorno.

Utilizzando la sua opzione di ricerca in batch, puoi controllare fino a 10.000 pagine del tuo sito Web contemporaneamente.

L’altra opzione noiosa è quella di controllare manualmente il contenuto del tuo sito web.

La più alta probabilità che i contenuti vengano copiati dal tuo sito web sono i tuoi post più popolari.

C’è uno strumento che amo usare per trovare i contenuti più popolari (anche su un particolare social network) – Buzz Sumo.

Basta digitare il tuo sito web nella barra di ricerca per ottenere un elenco dei tuoi articoli più condivisi.

Quindi, esegui una ricerca su Google di porzioni di testo casuali dai tuoi articoli più popolari. Potresti trovare risultati di bookmarking o di invio da Inbound o Reddit, o forse un blog collegato al tuo post.

Cerca qualsiasi sito web che ha pubblicato i tuoi contenuti senza il tuo consenso e lo ha pubblicato con il suo nome.

Se trovi tali siti Web di plagio, contatta i loro webmaster e chiedi loro di rimuovere il tuo articolo. Il DMCA è probabilmente l’ultima opzione per rimuovere i siti web plagiatori dai risultati di ricerca.

4. Monitora le nomine del tuo marchio sui social media – Citare è un ottimo strumento per immergersi nelle conversazioni della tua azienda e sugli utenti che si connettono sui social media.

Esistono milioni di fonti che alimentano lo strumento per monitorare il tuo marchio con le menzioni in tempo reale.

immagine55

Puoi anche impostare delle e-mail delle tue citazioni del giorno precedente.

5. Controlla la velocità del tuo sito Web e il tempo di attività del server creando avvisi all’indirizzo PingdomGli spammer a volte tentano di bloccare il tuo server inviando troppe richieste.

Questo può aumentare enormemente il tempo di caricamento del tuo sito web. E solo un secondo di ritardo può ridurre le tue conversioni del 7%.

Puoi controllare la velocità del tuo sito web utilizzando lo strumento di test di Pingdom.

Pingdom speed test

Ma un modo più semplice per monitorare il tuo sito Web è registrarsi con un account gratuito (per 1 sito Web/server) e attivare avvisi e-mail. Ricevi anche 5 avvisi via SMS con il piano gratuito.

8 strumenti per monitorare e combattere le campagne SEO negative dirette al tuo sito web

Abbiamo già percorso molto.

Spero che ora ti senta più sicuro nel monitorare e affrontare gli attacchi al tuo sito web.

Ma vogliamo essere sicuri che tu sia a conoscenza degli strumenti professionali per gestire gli attacchi SEO negativi. Ecco 8 strumenti per aiutarti completamente.

1. Plugin di Google Authenticator

Se il tuo sito Web esegue con WordPress, puoi impedire ai bot di intrufolarsi nel tuo sito Web utilizzando l’accesso sicuro in 2 passaggi.

Una volta installato il plugin, dovrai inserire un codice generato da Google Authenticator sul tuo smartphone (Android/iPhone).

esempio di codice generato da Google Authenticator

2. SEO cognitivo

Questo è un altro strumento professionale di analisi dei backlink. Puoi utilizzare il suo strumento di rilevamento dei collegamenti innaturali per identificare i backlink non validi sul tuo sito Web, innaturali o sospetti.

esempio di utilizzo del sito Cognitiveseo.com per identificare backlink negativi o sospetti

Questo può tornare utile dopo che sei stato colpito da una penalità manuale o algoritmica.

Una volta completato il rilevamento del collegamento:

Puoi contattare i webmaster o generare un file di disconoscimento.

3. Authoritylabs – Tieni traccia delle modifiche alle parole chiave e della perdita di visibilità nelle classifiche di ricerca.

immagine65

4. Linkresearchtools

Questo è uno strumento equivalente a Google Alert per i backlink. Puoi impostare avvisi con e-mail ogni volta che tu (o i tuoi concorrenti) ricevete un nuovo backlink.

immagine25

Puoi anche valutare il valore del collegamento utilizzando lo strumento Metrica di fiducia di potenza.

immagine10

Lo strumento rileva gli attacchi SEO negativi basati su link in modalità hands-off.

immagine02

Link Alerts ti consente anche di esportare i tuoi backlink errati in modo da poterli caricare in un secondo momento su Strumenti per i Webmaster di Google (come file di rifiuto).

5. Urlprofiler

Finora, abbiamo esaminato molti strumenti per la raccolta di backlink di spam.

URL Profiler è una soluzione produttiva.

È un potente strumento di controllo per estrarre dati social e informazioni sui backlink.

Raccoglierà le informazioni di contatto dei webmaster (i loro indirizzi e-mail, pagine di contatto del sito Web, e-mail whois) da un file CSV.

immagine59

6. Rmoov

Vorresti rendere più efficiente, indolore e scalabile l’invio delle tue richieste di rimozione dei link ai webmaster?

Allora prova Rmoov, uno strumento specializzato per la pulizia dei backlink difettosi.

Trova le informazioni di contatto dei proprietari di siti Web di backlink di spam e invia loro richieste di rimozione automatica del collegamento. Inoltre, invia anche follow-up con promemoria.

Allora, di cosa hai bisogno per iniziare?

Basta aggiungere l’elenco di URL per i siti per i quali desideri contattare le informazioni.

Puoi anche personalizzare i modelli di email.

Ecco una spiegazione delle funzioni dell’editor di dominio.

immagine05

Puoi registrarti per la versione base (gratuita) che ti consente di rimuovere i backlink danneggiati da un massimo di 25 domini root.

Segui questi 5 passaggi per ottenere la pulizia del collegamento con Rmoov.

Pulizia dei collegamenti con Rmoov

7. Trackback e Pingback

Trackback e pingback (su WordPress) sono un modo costruttivo per interagire con le persone che leggono/commentano i tuoi post.

Ricevi una notifica ogni volta che qualcuno si collega al tuo post e viene visualizzato come commento sul tuo post collegato.

Puoi trovare immediatamente i ladri di contenuti tramite le notifiche di trackback.

Ma ricorda di non impostare mai la pubblicazione automatica per questi trackback. Optare sempre per l'”approvazione manuale”.

Puoi ricevere spam se qualcuno pubblica i tuoi contenuti.

Puoi anche impostare domini di spam noti sui tuoi filtri antispam.

8. Cyfe

Ci sono così tanti strumenti che potrai utilizzare per monitorare il tuo sito web. Può essere scoraggiante accedere a più dashboard per monitorare le tue parole chiave, analizzare i tuoi backlink e controllare le menzioni del tuo marchio.

Cyfe è una brillante soluzione al problema.

Invece di accedere a più dashboard, puoi semplicemente utilizzare questo strumento per compilare tutte le informazioni necessarie per te.

immagine42

È utile per le aziende monitorare molti aspetti importanti della propria attività, dal marketing, alle vendite, all’analisi, al supporto, ai social media e ad altri dati.

Conclusione

Un attacco SEO negativo al tuo sito web può essere molto doloroso. Può danneggiare il tuo traffico, danneggiare il valore del tuo marchio, offuscare la tua immagine e uccidere le vendite dei tuoi prodotti.

Si ritiene che la cattiva pubblicità su Tom Cruise sia costata quasi 100 milioni di dollari nella vendita dei biglietti per Mission Impossible 3.

Rimani vigile usando le tecniche e gli strumenti di cui abbiamo parlato in questo articolo. Non esitare a spendere un po’ di soldi in più per un host sicuro e un software professionale monitorare il tuo sito web.

D’altra parte, se vieni colpito, non aspettare che Google recuperi le tue classifiche.

Agire immediatamente, in questo ordine:

  • Inviate un’e-mail ai webmaster dei siti web spam e pulite il profilo di backlink del vostro sito.
  • Mettetevi in contatto con l’host del sito web di spam.
  • In ultima istanza, disconoscete i backlink cattivi utilizzando gli Strumenti per i Webmaster di Google. Oppure, nel caso di contenuti plagiati, inoltrate una richiesta al DMCA.

Se la tua home page non è penalizzata, prova a spostare le pagine interessate su URL più recenti (ma non con un reindirizzamento 301). I backlink ad alta autorità possono essere trasferiti selettivamente ai nuovi URL.

Recuperare da un attacco o da una penalità sulla tua home page è più complesso, ma sbarazzarsi dei tuoi cattivi backlink è la soluzione migliore.

Leggi anche:

Lascia un commento

Inizia La Chat
Come possiamo aiutarla?
Scan the code
Trend Finders
Salve 👋

Sono il Trendbot, risponditore automatico della Trend Finders, come posso aiutarla?